Il rito cinese Dim Sum

Amate la cucina cinese come me? Perfetto! Qui di seguito parleremo di un famoso rito cinese, che le famiglie cinesi amano fare per festeggiare una festa come quella della mamma o il capodanno cinese. Inoltre i genitori portano i loro bambini a mangiare dim sum la domenica mattina per incontrare e salutare i nonni. Alcuni portano con sé giornali e commentano le notizie con i familiari. E visto che la festa delle mamma è alle porte, ve ne parlo, perchè adoro fare queste usanze, anche predendo come spunto paesi che non sono europei. Per il viaggio di nozze andai in Thailandia e me ne innamorai. Adoro la cucina orientale, come il riso, il tè e altre pietanze. Adoro mangiare e anche preparare. Qui di seguito vi spiego tutto per fare un buon dim sum casalingo e con qualche ricetta sfiziosa.

Il dim sum è un tipo di cucina della Cina meridionale, che comprende una vasta gamma di piatti leggeri, come gli involtini ripieni di carne, gamberi o verdure, serviti nei cestini di bambù accompagnati da un buon tè cinese.

Per la verità nasce per i viaggiatori dell’antica Via della Seta, che dopo un lungo viaggio avevano bisogno di riposare e mangiare qualcosa di leggero. Così nacque questa usanza che comprende ravioli, ma anche cotti al vapore e alla griglia.

Per preparare un buon impasto basta seguire queste mosse:

60 g di farina

60 g di fecola

200 ml di acqua

10 ml di olio di sesamo

Lavora l’impasto e crea dei dischetti sottili di 18 cm.

Il ripieno può essere di vari tipi. Qui di seguito vi elenco le ricette per un buon ripieno e poi il meccanismo dei ravioli è sempre lo stesso.

Ripieno di pesce: Saltare in padella gamberi a pezzettini, una patata lessa schiacciata, erba cipollina, sale e zenzero.

Ripieno di carne: Saltare in padella 400gr di carne di maiale macinata (io 300g di macinato di vitello),1 cipollotto,1 carota,4-5 cucchiai di salsa di soia,mezzo cucchiaino di zenzero (meglio se fresco: in questo caso grattugiate un cubetto di zenzero),2 cucchiaini di sakè,sale e pepe. Tutto sminuzzato e cotto per bene in padella.

Ripieno di verdure: ho pensato anche a chi è vegano o vegetariano. Sono semplici da fare anche questi. Saltare sempre in padella 1/2 cavolo verza o cappuccio, 2 carote, 80 g olive nere, 1 cucchiaio salsa di soia, sala q.b., olio d’oliva q.b. Sempre sminuzzato e cotto a puntino.

Dopo avere cotto i vari ripieni si passa al riempimento dei ravioli e ogni ravioli ha un suo modo diverso nell’essere farcito e la forma del raviolo stesso cambia in base al tipo di farcitura.

Quello con i gamberi è un fagotto, con dentro il ripieno e legato con un filo di erba cipollina, che viene poi spennellato con olio di sesamo e poi messo a vapore per 8-10 minuti in questi cestini di bambù tipici della cucina cinese.

Quelli con la carne, sono i classici ravioli con le onde, che mangiamo nei vari ristoranti cinesi. Sempre spennellati con olio di sesamo e cottura 8/10 minuti al vapore.

Ed infine quelli vegetariani sono tipo dei cestini con dentro le verdurine. Alcuni cinesi li chiudono e mettono un pisellino per decorazione oppure li lasciano aperti con le verdure a vista. Sempre solita cottura con olio di sesamo spennellato e sempre stessi minuti di cottura.

E se volessimo fare i ravioli alla piastra? Semplice! Una volta preparati basta mettere i ravioli farciti a vapore per quei 8/10 minuti, ungi la piastra leggermente con un velo di olio di sesamo o di soia. Una volta caldissima, passaci i ravioli preparati per 1-2 minuti, da un lato solo. Servili con salsa di soia insaporita da semi di sesamo e, se vi piace, zenzero fresco.

Serviteli in questi cestini di bambù rivestiti di foglie di cavolo verza cotte al vapore e con i ravioli messi sopra. Io lo trovo molto carino da vedere!

Fonte: foto prese da internet e spunti testuali presi da siti di cucina e Donna Moderna

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »